Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Venerdì 20 aprile alle ore 18:30 il giornalista ANTONIO CIANCIULLO sarà presente in Pescheria Vecchia insieme all’attore ALBERTO FORTUZZI per parlarci del suo saggio ed esporre una nuova prospettiva ecologista per smettere di addentare il Pianeta in modo bulimico.

Siamo sull’orlo della prima estinzione di massa causata da una sola specie, quella che si autodefinisce sapiens.
Lanciare l’allarme è giusto: dobbiamo cambiare il modo di produrre e di vivere. Per evitare il collasso degli ecosistemi, racconta Antonio Cianciullo, giornalista da sempre impegnato sui temi ecologici, serve un progetto largamente condiviso, capace di muovere i grandi numeri: energia pulita ed efficiente; edifici a zero emissioni e a grande comfort; sistemi di trasporto più veloci, rilassanti, sicuri; grandi aree verdi come templi di rigenerazione fisica e psicologia; cibi che danno piacere senza farcelo pagare caro.
Perché questo avvenga, si deve rendere la prospettiva ecologista, con i suoi formidabili contenuti, seduttiva, desiderabile, a portata di mano.

Antonio Cianciullo è inviato di la Repubblica. Per conto del giornale segue da oltre 25 anni i temi ambientali e ha partecipato ai principali appuntamenti internazionali: dalle conferenze sull’ozono negli anni Ottanta all’Earth Summit di Rio de Janeiro del 1992, dai reportage sui grandi disastri petroliferi ai vertici sul cambiamento climatico. È laureato in filosofia. Per la sua attività ha vinto numerosi premi. Tra i suoi libri Atti contro natura (Feltrinelli, 1992), Ecomafia (Editori riuniti, 1995, con Enrico Fontana), Far soldi con l’ambiente (Sperling & Kupfer, 1996, con Giorgio Lonardi), Il grande caldo (Ponte alle grazie, 2004), Soft economy (Rizzoli, 2005, con Ermete Realacci).

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]