Este in fiore si rinnova

La celebre manifestazione dedicata al mondo del florovivaismo si presenta quest’anno con una veste innovativa e più dinamica, allargando a 360 gradi il raggio di interesse e il grado di coinvolgimento delle migliaia di visitatori attesi. Dal punto di vista strettamente temporale, innanzitutto, la manifestazione si terrà dal 21 al 25 aprile per sfruttare il ponte festivo ed attrarre ancora più turisti e visitatori locali, aumentando l’offerta di intrattenimento.
La sedicesima edizione metterà al centro le persone e il territorio atestino, con la sua storia e le sue bellezze. Per questo motivo il cuore dell’evento sarà Piazza Maggiore, per definizione spazio fisico e culturale di incontro e di partecipazione, dove sarà installato un villaggio green dominato da una biosfera dall’architettura inclusiva e moderna dove si terranno convegni, workshop ed attività esperienziali e partecipative. Ma sarà tutta la città ad essere coinvolta, a partire dai negozi e dai locali che il 22 aprile rimarranno aperti la sera per la notte bianca di Este in Fiore. O dalle aziende locali come Este Ceramiche, che il 25 contribuirà ad un laboratorio creativo di lavorazione della ceramica prestando i propri forni e offrendo un tour guidato delle proprie strutture.
La grande esposizione florovivaistica sarà racchiusa come sempre nella suggestiva cornice dei giardini del Castello, da venerdì 21 a domenica 23, e si moltiplicherà ancora di più domenica con l’esposizione di piante e fiori in tutto il centro storico. L’obiettivo degli organizzatori e dell’Amministrazione è quello di andare oltre, sviluppando le mille tematiche che nascono e si sviluppano dai protagonisti della fiera: le piante e la città di Este.
Ecco quindi che dall’esposizione si passa alla divulgazione scientifica e culturale con i convegni su temi affascinanti come l’ “Intelligenza delle piante” illustrata dalla Dr.ssa Chiara Ferriani (venerdì 21 aprile, ore 15.30, piazza Maggiore), l’ “Apicoltura e il territorio, una simbiosi tra api e fiori” raccontata da Ferruccio Buson (venerdì 21 aprile, ore 17.00, piazza Maggiore), racconti gastronomici “Dal bosco alla tavola” del Dr. Augusto Verando Tocci (venerdì 21 aprile, ore 18.30, Piazza Maggiore), “La cura dell’orto, l’orto come cura” illustrato dal Dr. Alessandro Castellani (sabato 22 aprile, ore 16.30, Piazza Maggiore), “Le Piante nella Bibbia” raccontata dalla Dr.ssa Chiara Ferriani (domenica 23 aprile, ore 10.00, Piazza Maggiore).
Este, inoltre, si aprirà ai visitatori per renderli protagonisti di percorsi e passeggiate tematiche che ne sveleranno gli angoli più affascinanti e segreti, anche dopo il calar del sole. Dal 22 al 25 aprile si potranno fare letteralmente “Quattro passi nelle storia di Este”, camminare nei giardini, salire nella sommità delle torri del Castello facendosi raccontare le mille storie e leggende nate tra le mura oppure uscire di poco dalla città per una camminata alla scoperta delle erbe con cui si cucinano i piatti tipici della primavera.
Martedì 25 aprile saranno presenti una quarantina di pittori en plain air che disegneranno gli scorci più belli di Este e delle sue esibizioni floreali, una galleria d’arte a cielo aperto in tutto il centro storico. In collaborazione con l’Associazione MOMART e l’Associazione Arteuganea.
E per i più piccoli, saranno organizzati laboratori divertenti e utili durante i quali imparare i segreti della semina (22 aprile, ore 18.00, piazza Maggiore), riconoscere gli alberi e le loro foglie (22 aprile, ore 16.00, Giardini del Castello) o gli animali utili per l’agricoltura (23 aprile, ore 10.30, Giardini del Castello), mentre in piazza Trento verrà allestita un’area kids con laboratori, animazione e giostra cavalli.
A partire dall’inaugurazione, che si terrà venerdì 21 aprile alle 12.00 nei giardini del Castello, per cinque giorni saranno tantissimi gli appuntamenti per gli amanti di fiori piante e dei fantastici scorci che caratterizzano il territorio estense.

2017-04-13T10:50:06+00:00