Este in Fiore 2018: Una scenografica installazione che racconta 5 continenti

Una scenografica installazione che racconta i 5 continenti e nuovi servizi per l’edizione 2018 dedicata all’ecosistema natura, al clima e alla biodiversità.

Un tripudio di colori, profumi e varietà floreali, con un occhio di riguardo ai grandi ecosistemi della Terra, tra cambiamenti climatici e biodiversità. Sarà una gioia per gli occhi lo scenario naturale che i visitatori, provenienti da tutto il Veneto, ma anche da varie altre zone del Nordest, potranno ammirare da venerdì 20 a domenica 22 aprile in occasione della diciassettesima edizione di “Este in fiore”, la rassegna del florovivaismo veneto e nazionale di qualità e dei prodotti tradizionali di eccellenza, organizzata dalla Città di Este, che lo scorso anno ha richiamato ben 70mila amanti, cultori e specialisti del settore.

Per l’evento locale più atteso dell’anno arriveranno espositori da tutta Italia che animeranno i Giardini del Castello, suddivisi fra le aree “Giardini”, “Roseto all’italiana” e “Foro Boario”, ma fiori e piante saranno protagonisti anche in piazza Maggiore grazie all’originale installazione artistico-floreale sul tema “Ecosistema: natura in equilibrio”. Sarà un vero e proprio viaggio alla scoperta degli ecosistemi che caratterizzano il nostro pianeta, a rappresentare l’equilibrio del mondo naturale che si è adattato ai continui cambiamenti climatici e ambientali.

L’attualità dell’argomento sarà al centro anche del talk show di apertura, in programma venerdì 20 alle ore 16, che vedrà alcune amministrazioni locali e la Regione del Veneto illustrare le buone pratiche messe in atto nei rispettivi territori in favore dell’ambiente e del verde urbano per il benessere dell’uomo e dei cittadini.

«Abbiamo voluto dedicare la kermesse all’equilibrio della natura, che tutti noi siamo chiamati a proteggere, e agli ecosistemi, che è imperativo preservare, per ricordarci della delicatezza del mondo in cui viviamo – afferma il sindaco Roberta Gallana -. Anche quest’anno l’amministrazione ha voluto che l’ingresso alla manifestazione fosse gratuito, per dare modo a tutti di godere appieno delle proposte. Il mio ringraziamento va a tutti i protagonisti della manifestazione che collaborano alla sua realizzazione. Lavoriamo per migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini, per offrire ai visitatori esperienze memorabili da raccontare e, soprattutto, per consegnare alle nuove generazioni una città e un territorio accoglienti».

Oltre alla mostra mercato di fiori e pianti, la rassegna conta numerosi eventi collaterali. Nella Pescheria Vecchia verrà dato spazio a conferenze divulgative e incontri con l’autore su temi come l’ecologia, la biodiversità e i cambiamenti climatici. Saranno inoltre allestiti i “Giardini verticali Life Panel”, un supporto che permette a chiunque di mettere a dimora molte specie differenti di piante, compresi alcuni arbusti, pur non godendo di un giardino.

Immancabili, poi, i laboratori didattici, l’apertura straordinaria delle Torri civiche e i tour guidati, ovvero le passeggiate tematiche condotte da esperti per scoprire volti inediti di Este sotto il profilo storico, culturale e naturalistico.

Tra le altre novità spicca il “Kaktos Village”, la mostra-mercato itinerante di cactus e altre piante rare da collezione, giunta alla seconda edizione, che l’associazione Kaktos porta a Este dopo il successo in Sardegna. All’esterno dei Giardini del Castello, invece, verrà introdotto per la prima volta un Info Point che permetterà ai visitatori di ritirare gli articoli acquistati, accedendo temporaneamente nei pressi dell’area con l’auto prima di lasciare la città. Il servizio va ad aggiungersi a quello di cariolaggio per il trasporto agevolato dei prodotti da una parte all’altra dell’area espositiva.

Di fiori saranno vestiti anche altri luoghi simbolo del territorio: la facciata del Municipio, piazza Trento, la Torre Civica di Porta Vecchia e la Pescheria Vecchia. In collaborazione con i negozi del centro, inoltre, ad ogni via sarà dedicato un fiore e così via Cavour si trasformerà in via dei ranuncoli, via Principe Umberto in quella degli iris, solo per fare un paio di esempi. Tale iniziativa è resa possibile dalla collaborazione con i commercianti dell’associazione “Este in centro” che, domenica 22 aprile, esporranno personalmente i loro prodotti lungo le strade e le piazze del centro storico.

A dare un tocco ancora più stuzzicante alla rassegna sarà l’“Isola del Gusto”, in cui degustare e acquistare prodotti enogastronomici locali e regionali. L’arte sarà protagonista nell’appendice in programma mercoledì 25 aprile, che prevede esposizioni e laboratori di pittura en plein air.

La mostra mercato farà parlare di sé anche oltreconfine grazie alla presenza di una delegazione da Leek, cittadina inglese gemellata con Este. Ad accompagnarla durante la tre giorni ci penserà un gruppo di studentesse del liceo linguistico Ferrari nell’ambito del progetto Alternanza Scuola-Lavoro. Una formula, questa, già sperimentata con successo nella scorsa edizione della Festa Europea sui gemellaggi e pubblicata nel Documento nazionale del Mibact.

L’edizione numero 17 di “Este in fiore”, che si aprirà alle ore 16 di venerdì 20 aprile (taglio del nastro alle ore 18, mentre il sabato e la domenica successivi i Giardini del Castello resteranno aperti dalle 8.30 alle 20), sarà infine caratterizzata dall’implementazione del numero di parcheggi, a vantaggio della sicurezza dei visitatori e per garantire un migliore deflusso veicolare.

Leggi il programma completo della rassegna

PROGRAMMA
2018-04-12T14:36:48+00:00